I dispositivi di protezione individuale, comunemente indicati con la sigla DPI sono quei dispositivi che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossa, da rischi per la salute e la sicurezza, in qualsiasi ambiente, da quello domestico a quello lavorativo e in particolar modo in ambito medico. I DPI devono essere utilizzati quando non è possibile eliminare il rischio che può essere biologico, chimico o fisico.

I DPI devono:

  • essere adeguati alle condizioni presenti sul luogo di lavoro
  • essere adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare un rischio maggiore per il lavoratore
  • tener conto delle esigenze ergonomiche e della salute del lavoratore

I DPI sono divisi in tre categorie, in funzione del tipo di rischio:

  • I categoria: destinati a salvaguardare gli utilizzatori da danni lievi. Data la semplicità di questi dispositivi, gli stessi vengono autocertificati dal produttore
  • II categoria: tutti quelli non rientranti nelle altre due categorie – rischio significativo come ad esempio occhi, mani, braccia, viso – prototipo certificato da un organismo di controllo autorizzato e notificato
  • III categoria: dispositivi destinati a proteggere gli utenti da rischi di morte o di lesioni gravi – comprende tutti i DPI per le vie respiratorie e protezione dagli agenti chimici e biologici aggressivi. Devono essere certificati da un organismo di controllo autorizzato e notificato.

Alcuni dispositivi riportano una data di scadenza, altri richiedono da parte del lavoratore un controllo dello stato di usura al fine di sostituirlo nel caso non sia più idoneo al fine di evitare l’insorgere di problemi.

Per la scelta dei dispositivi di protezione individuale deve essere effettuata l’analisi e la valutazione dei rischi presenti in modo da individuare le caratteristiche dei DPI necessari affinché questi siano adeguati ai rischi.

Tra i dispositivi di protezione individuale che maggiormente vengono utilizzati negli ambienti di lavoro e nella vita di tutti i giorni troviamo i guanti monouso, i camici monouso, le mascherine chirurgiche e le mascherine FFP2.