I guanti in vinile sono guanti monouso realizzati con una materia prima sintetica (Poli Vinyl Cloruro) che determina la malleabilità, l’elasticità e la morbidezza di questo tipo di guanto.

Grazie a queste caratteristiche, i guanti in vinile sono indicati per l’utilizzo in diverse situazioni e ambienti:

  • in ambito domestico sono ideali da utilizzare per la protezione delle mani durante le faccende domestiche
  • possono essere utilizzati in centri estetici grazie alla loro morbidezza per l’esecuzione dei più svariati trattamenti estetici garantendo la protezione dell’operatore e del cliente
  • in ambito ospedaliero sono utilizzati nelle procedure ambulatoriali (esplorazioni, medicazioni ecc..) per evitare il rischio di contaminazioni e infezioni

Uno dei maggiori vantaggi dell’utilizzo dei guanti in vinile è la loro stessa composizione che li rende ipoallergenici in quanto non contengono sostanze proteiche (come il lattice) che sono la principale fonte di sensibilizzazione cutanea e quindi di allergie.

Bisogna fare attenzione ad acquistare guanti in vinile che siano certificati come Dispositivi di Protezione Individuale di III categoria (DPI3). Questa importante normativa indica che, tutti i prodotti che abbiano questa certificazione siano orientati a garantire la sicurezza e la salvaguardia dell’operatore. Nel caso dei guanti, le caratteristiche di conformità prevedono che siano impermeabili, resistenti all’azione di agenti chimici e di materiale biologico.

La regolamentazione che indica i requisiti dei guanti monouso destinati alla protezione dai rischi lavorativi è definita dalla norma UNI EN 420. La normativa, in particolare, si sofferma sui dispositivi di protezione individuale guanti andando a specificare quale materiale garantisce la conformità del prodotto: i guanti devono essere in nitrile, lattice oppure vinile.