Stanchezza, mancanza di concentrazione, poca energia: se avverti questi sintomi, soprattutto nel periodo estivo, è probabile che il tuo fisico stia attraversando uno stato di astenia dovuto alla carenza di magnesio e potassio.

Andiamo con ordine: astenia è un termine medico che indica una stanchezza cronica, correlata a una serie di cause quali mancanza di sonno, stress, temperatura alta, affaticamento.

Si caratterizza per il suo essere continua, cronica. Non è quindi un singolo episodio o qualche giorno di stanchezza, ma si trascina dietro per settimane e mesi, riducendo sempre di più l’energia e la prestanza sia fisica che mentale.

Astenia muscolare e astenia nervosa

Quando si parla di stanchezza, si fa solitamente riferimento a due condizioni: una stanchezza fisica, causata da dolori muscolari e perdita di energia, e una stanchezza mentale, che si distingue invece dalla perdita di concentrazione, dalla svogliatezza e da stati d’animo negativi.

In quest’ultimo caso si parla di astenia nervosa, perché il senso di stanchezza cronica riguarda soprattutto l’umore e la capacità mentale di sostenere la concentrazione e memorizzare. La causa principale dell’astenia nervosa si ritrova nella carenza del magnesio, mentre quella muscolare può essere collegata alla carenza di potassio.

Vediamo a cosa servono, quali benefici hanno e cosa comporta una loro carenza nel lungo periodo. 

Magnesio: a cosa serve

Il magnesio è un minerale fondamentale per il corpo umano. 

Ha un ruolo importante nella formazione dello scheletro e dei tessuti, ma è soprattutto nella sua capacità di regolare l’attività delle cellule nervose che risiede il suo compito principale.

Il magnesio interagisce infatti con il sistema nervoso, e tra i benefici del magnesio più noti troviamo: 

  • la regolazione del sonno;
  • la capacità del muscolo di rilassarsi dopo uno sforzo fisico;
  • il sollievo dai crampi e dalle tensioni muscolari, incluse quelle del periodo mestruale;
  • la regolazione dell’ormone dell’adrenalina.

L’azione del magnesio è quindi collegata alla qualità del sonno e dell’energia sia fisica che mentale. Da una parte, la carenza di magnesio comporta un maggiore affaticamento muscolare; dall’altra, aumenta gli stati d’ansia, l’insonnia e la stanchezza.

In natura, il magnesio è presente nella frutta secca, in particolare nelle mandorle, e nei semi oleosi come i semi di lino e i semi di chia.  

Potassio: a cosa serve

Anche il potassio è un minerale presente in grande quantità nel nostro corpo, e indispensabile per permettere il corretto funzionamento di alcune attività dell’organismo. 

Tra queste, la più importante è la contrazione muscolare: il potassio prende parte attivamente alla qualità del muscolo e alla sua capacità di tendersi e rilassarsi, per assecondare il movimento.

Anche il muscolo cardiaco trae giovamento dalla presenza di potassio, perché l’alternanza di contrazione e rilassamento è proprio quello che spinge il sangue dal cuore alle arterie, e di ritorno dalle vene al cuore.

Il potassio è inoltre implicato nella regolazione della pressione arteriosa, per via del suo rapporto con il sodio: uno scompenso con carenza di potassio farebbe aumentare la quantità di sodio presente nell’organismo, e per conseguenza diretta aumenta anche la pressione del sangue all’interno dei vasi.

Benché sia una possibilità non molto frequente, la carenza di potassio, se si verifica, può portare a disturbi molto seri per il corpo, che si manifestano in perdita di energia, astenia muscolare, stanchezza fisica, aumento della pressione.

Il potassio è presente in un gran numero di alimenti, quali frutta come le banane, le albicocche e le arance, soia, patate, fagioli, verdure verdi, cereali integrali.

Integratori magnesio potassio: quando utilizzarli

Magnesio e potassio sono due minerali indipendenti tra loro, eppure sono spesso associati poiché la loro carenza dà luogo a sintomi simili che portano proprio all’astenia.

Ecco perché spesso i medici consigliano di assumere integratori di magnesio e potassio, da soli o insieme ad altri sali minerali contenuti nella formulazione che hanno sia un potere rinvigorente che energizzante.

L’uso degli integratori di magnesio e potassio è consigliato sia durante le convalescenze, ad esempio dopo una malattia debilitante, sia nel periodo estivo, poiché l’aumento della sudorazione fa perdere una maggiore quantità di sali minerali e, di conseguenza, potrebbe causare un senso di stanchezza accentuato.

Un ottimo integratore è Morevital, da portare sempre in borsa e utilizzare quando l’energia è in calo, nei giorni di maggiore caldo o nei giorni del ciclo mestruale, grazie all’azione miorilassante dei due minerali, in grado di alleviare le contrazioni muscolari.